Alfa Romeo Giulietta Spider 1300

  • tn_dscf0879-1516918681
  • tn_dscf0890-1516918681
  • tn_dscf0884-1516918681
  • tn_dscf0876-1516918681
  • tn_dscf0888-1516918681
  • tn_dscf0885-1516918681
  • tn_dscf0897-1516918682
  • tn_dscf0892-1516918682
  • tn_dscf0896-1516918682
  • tn_dscf0894-1516918682
  • tn_dscf0898-1516918682
  • tn_dscf0899-1516918682
  • tn_dscf0903-1516918683
  • tn_dscf0904-1516918683
  • tn_dscf0902-1516918683
  • tn_dscf0909-1516918683
  • tn_dscf0905-1516918683
  • tn_dscf0911-1516918683
  • tn_dscf0918-1516918684
  • tn_dscf0915-1516918684
  • tn_dscf0914-1516918684
  • tn_dscf0916-1516918684
  • tn_dscf0920-1516918684
  • tn_dscf0919-1516918684
  • tn_img_20180110_110803-1516918685
  • tn_dscf0922-1516918685
 

Descrizione

Dotata di finiture più accurate rispetto alla versione "Sprint", la "Giulietta Spider" fu anch'essa un modello di grande successo. I primi prototipi furono allestiti con un parabrezza panoramico stile America e vetri laterali scorrevoli che si agganciavano alla capote; successivamente per le versioni di serie venne adottato un parabrezza più piatto più convenzionale e i finestrini laterali discendenti in cristallo.

La "Giulietta Spider" monta un motore a quattro cilindri in linea longitudinale da 1.290 cm³ di cilindrata erogante 65 CV di potenza (80 CV dal 1959), che permette alla vettura di raggiungere la velocità massima di 155 km/h (165 dal 1959).

Il basamento è in lega leggera con canne dei cilindri riportate in ghisa. La testata era in lega leggera, con candela al centro della camera di scoppio. L'alimentazione comprende un carburatore doppio corpo Solex semi-invertito, distribuzione con due valvole per cilindro, disposte a V, comandate da due alberi a camme in testa con azionamento a catena. La trazione è posteriore. I freni sono a tamburo sulle quattro ruote. Le sospensioni anteriori sono a ruote indipendenti, con quadrilateri deformabili, molle elicoidali, ammortizzatori idraulici telescopici e barra antirollio; quelle posteriori sono a ponte rigido, guidato da bracci longitudinali e triangolo di reazione, sempre con molle elicoidali e ammortizzatori idraulici tNel 1959, la seconda serie delle Alfa Romeo Giulietta Spider ("serie 101.03") ricevette un pianale allungato di 50 mm, finti deflettori sui finestrini, catarifrangenti di forma rotonda fissati sotto i fari posteriori, sedili regolabili e vano porta oggetti con sportello. Il rapporto di compressione della serie normale fu aumentato e portato a 8:1, con un aumento della potenza da 65 a 80 cavalli a 6000 giri/min.

I fendinebbia e/o fari di profondità Lucas divennero un diffuso optional; montati al posto dei rostri dei paraurti anteriori donavano alla vettura un aspetto più aggressivo.

Nel 1961, la terza serie ("serie 101") aveva fanaleria posteriore maggiorata, plancia imbottita, sportellino del portaoggetti, specchietto retrovisore con scatto antiabbagliante, portacenere e accendisigari sul pianale, vicino al cambio.

La vettura proposta è stata prodotta di coloro rosso AR 505 il 18 luglio 1961 e venduta il 27 luglio del 1961 ad Imperia. Acquistata ne l lontano 1983 e conservata in una cascina nelle campagne emiliane, cosi come proposta oggi .completa di hard top Zagato scarico nuovo, freni e pompa freni revisionati , pompa acqua revisionata e tagliando.

    Dove siamo

    Newsletter

    Ricorda di accettare le condizioni della privacy prima di proseguire